Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Spinazzola: “Mi piace di più giocare a sinistra. La famiglia? Mi è sempre stata vicina”

“Mi trovo meglio negli spazi a perti. A destra mi adatto, è tutto diverso”

L’esterno della Roma Leonardo Spinazzola è stato intervista da Cronache di Spogliatoio in un confronto  distanza con il campione del mondo Gianluca Zambrotta. Queste le parole del calciatore giallorosso:

Sulla preferenza di ruolo
A un destro piace di più giocare a sinistra in modo da rientrare e calciare. Io ho sempre giocato a sinistra, mi hanno abbassato perché facevo pochi gol. Negli spazi aperti mi trovo meglio. Quando gioco a destra mi adatto, è tutto completamente diverso: la postura del corpo, l’uno contro uno.

Sui riti scaramantici
Non ne ho molti. Ad esempio quando vinci ricordi gli esercizi di riscaldamento che hai fatto e li ripeti. Magari sette volte, visto che è il mio numero fortunato. Oppure metto un parastinco prima di un altro.

Sugli infortuni della sua carriera
A quattordici anni, appena mi ero trasferito per giocare lontano dalla famiglia e dagli amici mi sono fatto male alla caviglia. I miei genitori mi sono stati vicino e mi hanno fatto passare quel periodo. Quando mi sono rotto il crociato due anni fa è stato un brutto momento. La nascita di mio figlio è stata una fortuna. Mi allenavo con il dolore anche sei ore, ma ero felice perché con lui tutto passava e ho potuto vivere bene la situazione.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra