Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Friedkin, silenzio e lavoro: arriverà per il campionato

Presto la nuova proprietà sarà a Roma

L’appuntamento rimane per il debutto in campionato. Dan Friedkin e famiglia hanno infatti garantito la loro presenza per la prima della stagione che avverrà in uno scenario, stadio deserto per il COVID, anomalo. Questo li priverà, inizialmente, dell’abbraccio della folla. Roma è una città che fagocita tutto e tutti alla velocità della luce e le vicende delle due società di calcio moltiplicano per dieci questo mal costume. Non sorprende che l’entusiasmo per il passaggio di proprietà, avvenuto appena 10 giorni fa, sià già in parte mitigato. Dzeko in bilico, squadra che per comprare prima deve cedere, 100 milioni di plusvalenza da effettuare entro giugno 2021, Fonseca sotto esame. Tutti concetti che sembrano appartenere alla gestione precedente. Poco importa se per Zaniolo e Pellegrini non si parla più di cessione.

Per questo la voce di Friedkin, per un’intervista, una saluto reale, sarebbe quanto mai auspicabile. Chi ne cura la comunicazione assicura che lo stile del gruppo è stato sempre questo e sottolinea che Dan e Ryan, in questi giorni, si siano occupati di questioni poco accattivanti dal punti di vista mediatico. La scelta del low-profile non pregiudica il contatto diretto con Fienga, ritenuto ben più importante della dichiarazione strappa consensi. Sinonimo di serietà che anche durante la trattativa era stato apprezzato. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa