Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Losi: “Florenzi? Situazione che non comprendo, probabilmente è successo qualcosa con Fonseca”

Le parole di “Core de Roma”, che oggi compie 85 anni

Giacomo Losi, storico capitano della Roma negli anni ’60, è stato intervistato da Centro Suono Sport nel giorno del suo ottantacinquesimo compleanno:

Le origini del soprannome “Core de Roma”?
“Il soprannome mi fu affibbiato da Walter Chiari durante un suo spettacolo. Inoltre, feci un gol contro la Sampdoria che ero infortunato, da qui è nato il mio soprannome. Ricordo che quel giorno l’Olimpico era impazzito”.

Lei è stato un difensore molto corretto.
“Ho ricoperto tutti e quattro i ruoli della difesa e sono stato ammonito solamente in un’occasione, proprio durante la mia ultima partita in carriera”.

Un giudizio su Fonseca?
“Secondo me è un buon allenatore, anche se molto dipende dai calciatori. Se un allenatore è bravo ma non lo sono i giocatori, puoi fare ben poco”.

Fonseca non ha intenzione di puntare su Florenzi: che ne pensa?
“È un qualcosa che non comprendo, non è possibile eliminare un calciatore in questa maniera. Probabilmente è successo qualcosa tra loro, Florenzi è stato messo in un angolo e ha finito così”.

Florenzi sembra destinato al Paris Saint-Germain.
“Non è una squadra qualsiasi, andrebbe a giocare in un grande club e quindi non si capisce perché non possa stare con la Roma”.

Qualcuno dalla Roma le ha fatto gli auguri?
“No, un po’ mi dispiace. Ultimamente i giocatori forti della Roma vengono ignorati. Altri ex giocatori di altre squadre hanno i posti in tribuna per loro, a Roma non so come funzioni. Alla Roma comunque vorrò sempre bene, è stata la mia squadra del cuore”.

Perché ha giocato poco con la Nazionale?
“Ho fatto il Mondiale in Cile nel 1962, ma all’epoca si facevano pochissime partite con l’Italia, una o due l’anno”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News