Resta in contatto

Approfondimenti

Badia (CalcioHellas): “Kumbulla? Vale fino all’ultimo centesimo speso dalla Roma”

Il parere del collega veronese

Tommaso Badia, responsabile di CalcioHellas.it, portale del network Tifosinrete che segue da vicino le vicende dell’Hellas Verona, ci parla del nuovo arrivo in casa Roma: Marash Kumbulla.

Kumbulla oggi sbarca a Roma per iniziare la sua avventura in giallorosso. Che giocatore avrà a disposizione Fonseca?
«Kumbulla è un difensore piuttosto completo e fisicamente strutturato. Forse pecca un po’ in velocità nel breve, tuttavia compensa con un’ottima capacità di lettura situazionale. L’anno scorso è stato buttato nella mischia un po’ a sorpresa, ma ha ripagato Juric con un campionato disputato da autentico veterano nonostante la giovanissima età, il che presuppone un gran carattere. Inutile poi dire che, vista l’età, i margini di miglioramento siano spaventosi. Vale fino all’ultimo centesimo pagato dai giallorossi.».

Dal 2008 all’Hellas, un percorso dalle giovanili alla A: in cosa è migliorato tanto?
«Difficile dire in cosa non sia migliorato. È evidente che sotto la gestione Juric abbia avuto una crescita esponenziale sotto tutti i punti di vista».

Difesa a 3, difesa a 4: qual è il ruolo dove può far meglio?
«L’unica stagione in Serie A l’ha giocata nella difesa a tre, sia al centro che sul centro-sinistra, ma nel suo bagaglio ha anche la difesa a quattro. E poi ha vent’anni, quindi penso si possa adattare in entrambi i sistemi di gioco».

Mentalmente viene descritto come un ragazzo molto serio, pensi sia pronto per misurarsi in una piazza come Roma dal punto di vista della pressione?
«Max è un gran lavoratore e un ragazzo molto maturo per la sua età, quindi sicuramente ce la metterà tutta. Se però sarà in grado di gestire la pressione ce lo dirà solo il campo. L’importante, però, è che gli venga data la possibilità di dimostrare di che pasta è fatto: comprare un ventenne e pagarlo trenta milioni per poi lasciarlo in panchina sarebbe una follia».

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti