Resta in contatto

Rassegna Stampa

Friedkin, sei esuberi da 28 milioni

Tanti i colpi da piazzare altrove per la nuova società

Ancora sei giorni alla fine del mercato, ancora sei giocatori da piazzare. Al di là delle operazioni in entrata, in questo momento la Roma sta cercando di sistemare le cose anche in uscita. Ad inizio mercato era la priorità per cercare plusvalenze e incassare liquidità, abbassando i costi operativi, ma non è andata come si voleva.

Da Trigoria sono stati piazzati Defrel, Gonalons, Florenzi, Schick e Under, ma sono rimasti una serie di giocatori che si preferiva sistemare altrove: Olsen, Fazio e Juan Jesus, Coric, Pastore e Perotti. La Roma spera di incassare i soldi non per i cartellini, ma provando ad abbassare il monte ingaggi, per un totale di 28 milioni lordi.

Per Fazio alla Fiorentina e Juan Jesus al Genoa era tutto fatto, poi i giocatori hanno rifiutato i trasferimenti, il brasiliano ha chiesto addirittura una buon’uscita alla Roma in caso di cessione. Su Olsen c’era forte il Watford fino a qualche giorno fa, ma la trattativa non si è conclusa perché lo svedese non vuole andare in Championship.

Su Coric è piombato l’Aris Salonicco, poi restano i due argentini. Pastore difficilmente potrà partire, ma i giallorossi sperano di dare via Perotti. Su di lui resta forte l’interesse del Fenerbahce. Si legge su La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa