Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Avevamo ragione ma la storia non è finita

Il lungo editoriale del direttore de “La Gazzetta dello Sport”

“Aveva ragione la Gazzetta. Lo dico con orgoglio ma anche con una punta di rammarico” scrive Stefano Barigelli “perché la vicenda dei tamponi che riguarda la Lazio è una delle pagine più opache vissute dal calcio italiano negli ultimi anni”.

“Essendo positivi a tamponi molecolari (Immobile, Leiva e Strakosha) o andavano in quarantena da soli o accompagnati dai carabinieri. La retromarcia è stata grottesca, ma la situazione resta gravissima. Lotito si è spinto talmente oltre in questa storia da rendere perfettamente plausibile l’intervento della magistratura ordinaria. Con la salute non si scherza, con le leggi non si scherza”.

“Il danno più grosso Lotito, prima che alla Lazio e ai suoi tifosi, l’ha fatto al calcio italiano, nel suo complesso. Un danno enorme. I cittadini in lockdown cosa devono pensare di un giocatore positivo che si presenta al campo d’allenamento?
Raccontano che Lotito abbia una sua massima: le leggi per gli amici si interpretano, per i nemici si applicano.
Penso stavolta andrà diversamente, deve andare diversamente. Siamo in un momento serio, abbiamo bisogno di persone serie che prendano decisioni serie”.

8 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

8 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa