Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Lazio, De Martino: “Giornalisti e testate hanno avuto poca lucidità nei nostri confronti”

“Prenderemo provvedimenti!”

Torna a parlare il Direttore della comunicazione della Lazio, Stefano De Martino, che ai microfoni dell’emittente radiofonica ufficiale del club biancoceleste ha voluto fare una serie di precisazioni, soprattutto per quanto riguarda l’approccio dei media al delicato momento che sta vivendo la società di Lotito. Queste le sue parole:

Ciro Immobile è sereno, sa benissimo che deve attendere per un po’. Credo che, però, rientrerà a breve. Nei miei anni da tifoso laziale e da dirigente laziale non ho mai passato un anno tranquillo: la responsabilità è di un certo tipo di stampa. Noi dobbiamo necessariamente essere pronti e seguire le azioni ed i cambiamenti. La Lazio si è sempre mossa con una logica di un certo tipo, ma il Club lavora al di là dei comunicati. Sulla vicenda dei tamponi non aggiungiamo altro perché c’è un’indagine in corso e noi, come Lazio, rispettiamo sempre il lavoro di tutti. Quando questa vicenda verrà chiusa, la Società prenderà i provvedimenti che deve prendere nei confronti di chi è andato oltre il consentito e di chi non ha avuto un comportamento deontologico idoneo. Ci sono giornalisti e testate giornalistiche che non hanno avuto lucidità nel trattamento nei confronti della Lazio, alla fine della vicenda la Società prenderà dei provvedimenti. In questo momento, però, non possiamo parlarne ed aggiungere altro. Vedremo alla fine chi dovrà rispondere e di cosa. Sentire certi commenti da giornalisti di livello dà fastidio“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News