Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo, una plastica per tornare più forte

Zaniolo

Il 2021 sarà l’anno di Zaniolo

Nei prossimi giorni l’azzurro tornerà a correre a Trigoria, ha avuto il via libera dal professor Fink nella visita di controllo prima di Natale. Nicolò muore dalla voglia di riprendere a giocare, il rischio è quello di affrettare i tempi. L’ortopedico austriaco che lo ha operato a settembre gli ha consigliato prudenza, secondo lui sarebbe meglio lavorare già in vista della prossima stagione. Ma Zaniolo ci tiene tantissimo all’Europeo e Mancini lo aspetta. Anche la Roma preferisce avere prudenza.

Intanto bisognerà vedere come reagirà il ginocchio alla ripresa della corsa sul campo. L’intervento chirurgico eseguito a Innsburck è stato molto articolato, perché oltre alla ricostruzione del legamento crociato sinistro è stata fatta una plastica di protezione esterna.

Per l’azzurro sta per aprirsi una nuova pagina della sua carriera. Esattamente due anni fa realizzò la sua prima rete in giallorosso, contro il Sassuolo. Da allora Zaniolo è diventato un beniamino dei tifosi, il giocatore di maggiore valore della Roma. Nell’ultima partita giocata mercoledì contro il Cagliari era da solo nella tribuna deserta. Lo sguardo triste ripreso dalle telecamere. Adesso l’unica cosa che conta è tornare a sentirsi un calciatore. “Ad aprile ci sarà”, assicura il padre Igor. Sta per cominciare il suo anno. Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa