Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Fienga: “Lavoriamo per un progetto sostenibile sul medio e lungo termine”

Guido Fienga

“Fonseca non ha fatto richieste specifiche sul mercato. Siamo felici che sia arrivato Tiago Pinto”

Il CEO giallorosso Guido Fienga ha parlato nel prepartita a DAZN analizzando il match ma anche la sessione di mercato appena iniziato:

Sull’arrivo di Tiago Pinto.
“Innanzitutto siamo molto contenti che Tiago Pinto si è unito al gruppo di manager della Roma. Lui è il direttore generale dell’area sportiva, che contempla anche Morgan De Sanctis con il compito più specifico di direttore. Tiago è una persona che ha una capacità e professionalità di lavorare in gruppo, che esalterà sicuramente le personalità che già ci sono a Trigoria. Lui riporterà direttamente al presidente e al vicepresidente. Per cui siamo molto contenti del suo arrivo. Siamo già al lavoro con lui, anche se in questo momento solo in videocall, ma presto dal vivo dato che ha smaltito i suoi problemi col Covid-19”.

Il rinnovo di Pellegrini e i possibili arrivi?
“Nel mercato di gennaio, come in tutte le sessioni di mercato, la linea guida è quella di effettuare soltanto investimenti sostenibili e che sostengano il progetto sia nel medio che nel lungo termine. Già gli azionisti hanno sostenuto l’azienda dando un segnale molto forte, aumentando l’aumento di capitale previsto e dando comunque un obiettivo. L’obiettivo è di costruzione ed ha un fine non immediato ma di medio-lungo termine. A gennaio ricordo che ci furono tante critiche perché dissero che avevamo preso pochi giocatori e oggi ci ricordiamo di aver comprato Villar, Ibanez e Carles Perez che oggi sono elementi centrali del progetto. Vogliamo continuare a lavorare così, effettuando dello scouting e valorizzando anche alcuni elementi che quest’anno si stanno mettendo in luce nella nostra Primavera, con un’ottica di sostenibilità di medio-lungo termine”.

Obiettivi per il 2021? La sostenibilità può sposarsi con la competitività a medio-breve termine? In questo rientra anche il discorso stadio, con Scalera che oggi è allo stadio?
“Scalera è un altro degli elementi che si aggiunto alla squadra societaria, che si sta rinforzando. Dal 2021 mi aspetto il punto di Verona, mi auguro che questo sia il primo regalo del nuovo anno. Poi mi auguro che il 2021 sia più semplice per i tifosi e più tranquillo anche per noi che dobbiamo gestire il club, con più soddisfazioni. La squadra è già forte, se si convince di più delle sue qualità farà bene e sarà ancor più facile far fare bene ai nuovi innesti. Deve essere un 2021 della consapevolezza. Speriamo di partire con un segno di equità con il punto di Verona che ci spetta e che ancora ci brucia un po'”.

El Shaarawy è stato chiesto da Fonseca?
“No, Fonseca non ha fatto alcun tipo di richiesta. Fonseca lavorerà con Tiago Pinto al progetto di cui parlavo, provando a migliorare un equilibrio di squadra che stiamo creando già da diverso tempo. Qualche risultato si vede, sicuramente vorremmo fare di più. Non faccio nomi, ma Tiago con tutto il gruppo di scouting faranno il meglio”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra