Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Friedkin e Suning a caccia di un socio

In occasione di Roma-Inter, Dan e Zhang potranno parlare anche di affari

Domani è in programma la sfida tra Roma e Inter, due squadre che nell’ultimo anno sono state al centro di numerosi rumors societari. In una metà del campo alle 12.30 di domani ci sarà la Roma, passata nelle mani di Friedkin il 17 agosto scorso per 199 milioni.

Il magnate di Houston dall’inizio della sua avventura nella capitale ha iniettato nel club 132,6 milioni e già da qualche mese al fedelissimo Watts è stato dato mandato di parlare con possibili soggetti interessati a diventare partner di minoranza.

I texani si sono mossi soprattutto nel mercato arabo, ma per ora nessuno ha presentato proposte tali da convincere i Friedkin a cedere una quota della Roma, che dopo la conversione dei finanziamenti soci ha visto ridurre il proprio debito.

Negli ultimi giorni le voci più insistenti sul fronte societario hanno riguardato però i nerazzurri, con Suning che è alla ricerca di un investitore in grado di rifinanziare a condizioni migliori i due bond emessi per un totale di 375 milioni e con la scadenza fissata nel 2022.

Da questi sondaggi sono nati colloqui con alcuni fondi di investimento interessati ad entrare nel mondo del calcio e ora la trattativa più calda – al momento si parla di un potenziale ingresso come socio di minoranza, ma per molte cessioni si è passati da contrattazioni per una piccola parte di azioni al totale del controllo – è quella col fondo Bc Partners, dopo che nelle scorse settimane alcuni colloqui preliminari con altri due soggetti si sono impantanati.

Il presidente dell’Inter Zhang ha smentito di voler cedere la maggioranza, ma il calcio in Cina ha subito ulteriori restrizioni e non è escluso che gli imprenditori che hanno investito all’estero in futuro vengano invitati (per non dire obbligati) a lasciare del tutto il calcio. Si legge su Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa