Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Smalling-Lukaku, Dzeko-De Vrij: Roma-Inter vale più di tre punti

Cinque grandi duelli in un match da non fallire. Per i nerazzurri, a -4 dal Milan, è un momento delicato: oggi i giallorossi (a caccia dell’aggancio) e poi c’è la Juve

Nello stadio dove si disputò quella del 1996, giochiamola noi oggi un’Olimpiade. E non solo una partita di calcio. E non solo la risposta dell’Inter alla vittoria del Milan,con il portabandiera Antonio Conte chiamato a rialzarsi dopo lo stop di Genova, all’inizio di otto giorni clou fino alla sfida con la Juve.

E il collega portoghese, Paulo Fonseca, che ha pianificato l’operazione aggancio. Come credere che una telecamera fissa non seguirà Dzeko e De Vrij? Alzate il pallone e vediamo chi la spunta. Perché si fa peccato a pensare che l’attaccante della Roma e il difensore dell’Inter siano “limitati” al gioco aereo.

Ma quel fondamentale è una chiave tattica decisiva del match, vuoi per le sponde e la capacità di scaricare sui trequartisti del bosniaco, vuoi per le doti straordinarie di lettura difensiva dell’olandese. Che, per intendersi, nelle nove occasioni in cui ha affrontato il romanista, non ha mai concesso neppure una rete.

Spostate lo sguardo nell’altra area. Lukaku e Smalling è una gara da pesi massimi, fossimo nel pugilato. Meglio ancora: sollevamenti pesi, perché c’è pure chi sfiora la tripla cifra sulla bilancia. Sono stati compagni a Manchester, si conoscono alla perfezione, uno (Smalling) ha pure provato a convincere l’altro a sposare la dieta vegana (ma Lukaku invece è un fan della proteica, la bresaola diet la chiamano in Inghilterra).

Il duello è da prima pagina. Di quanto l’Inter dipenda da Romelu sono piene le librerie, di quanto la Roma abbia inseguito Chris fino all’ultimo secondo di mercato… pure. È in partite così che gli assi si misurano. È nella capacità di «sollevare» il livello delle rispettive squadre: risposte cercansi, risposte in arrivo. Si legge su La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa