Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Anche senza tifosi il derby della Capitale è sotto osservazione

Stadi

L’assenza di tifosi allo stadio fa scendere il livello di rischio della gara, ma si temono possibili raduni di tifosi fuori dall’Olimpico

Venerdì sera Roma e Lazio si sfideranno nel derby, una partita da sempre a rischio vista l’accesa rivalità tra le due tifoserie. Quest’anno, a causa della pandemia di Covid-19, la situazione sarà invece diversa: l’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive per il momento ha assegnato al derby di Roma il “rischio uno” data l’assenza dei tifosi sugli spalti per via delle porte chiuse, ma l’attenzione resta alta.

Si vuole tenere sotto controllo la possibilità che gli ultrà di Lazio e Roma possano radunarsi nei pressi dello Stadio Olimpico per “accompagnare” l’ingresso dei pullman delle sue squadre prima di appostarsi, sempre nei medesimi pressi, a seguire la partita facendo così aumentare le possibilità di eventuali contatti tra le due tifoserie rivali. Qualora dovesse verificarsi questa eventualità verrebbero a crearsi dei pericolosi assembramenti che, vista l’emergenza epidemiologica legata al COVID-19, potrebbero assumere i crismi di potenziali focolai di contagio. Al momento non c’è nessun allarme rosso legato al derby della Capitale in programma venerdì 15 gennaio alle ore 20:45 ma le Forze dell’Ordine seguono con grande attenzione le due tifoserie. Lo riporta gazzetta.it.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa