Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Cassano: “Il derby? La Roma potrà vincere anche 10 volte, la Lazio ricorderà sempre la finale di Coppa Italia”

L’ex attaccante giallorosso: “E’ una partita come può essere Boca-River. Sono disposti a vincere le due partite, poi non gliene frega più nulla”

Antonio Cassano torna a parlare della Roma, in vista del derby di venerdì sera. E lo fa in modo provocatorio, intervenendo sul canale Twitch di Vieri. Queste le sue parole:

“Il derby? È qualcosa come River Plate-Boca Juniors, che è una partita ancora più sentita. Anche per loro quella partita è più importante di tutto il resto. Da quando Lulic gli ha fatto gol in Coppa Italia, è successo in piccolo come al Boca in Libertadores: una è “morta, l’altra vivrà in eterno, il River. La Roma potrà vincere anche 10 derby, la Lazio ricorderà sempre quell’immagine di quando gli hanno tolto la Coppa Italia.

Per loro è “la partita”, per questo penso che non arriveranno mai al livello delle milanesi e della Juve. Per loro è importante solo quella partita. Sono disposti a vincere i due derby, poi non gliene frega niente se vanno in Coppa dei Campioni o in finale di Coppa Italia o fanno roba importante. Vivono per quella partita tutto l’anno. Io ho fatto cinque anni lì, meravigliosi, e mi ricordo che davo dei biglietti ai miei amici intimi e vedevi degli insulti e dei litigi tra amici. Il derby di Roma è stupendo e in questo momento vedo favoriti i giallorossi, perché sono più squadra, più sul pezzo. Della Lazio non capisco perché stia avendo tante problematiche”.

32 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

32 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News