Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Conto alla rovescia, Zaniolo si scalda: nel derby di maggio ci sarà anche lui

Il talento giallorosso punta ad essere in campo nel derby di ritorno

La vita privata, almeno per il momento, l’ha messa in standby. Troppo forte la voglia di tornare in campo e troppo grande la necessità di mettere ordine nella sua vita e nella sua testa. Nicolò Zaniolo ha fatto una scelta e la scelta, per ora, è quella di far parlare di sé solamente per il suo recupero, restando lontano dai riflettori. Quelli, Zaniolo, conta di riaccenderli nei prossimi giorni.

Perché nei prossimi giorni (tra la fine di questa settimana e l’inizio della prossima) tornerà a correre in campo. E lo farà ad un anno  dal primo infortunio al ginocchio. Zaniolo non salta un giorno di lavoro a Trigoria e, a distanza di quattro mesi dalla seconda operazione al crociato, conta i minuti.

Verosimilmente, deve avere ancora due mesi abbondanti di pazienza, nessuno gli chiede di affrettare i tempi: né la Nazionale, nonostante Mancini lo aspetti per l’Europeo, né tantomeno la Roma. Di certo, visto come sta vivendo (da tifoso) l’attesa per il derby di venerdì, Nicolò punta ad essere l’uomo in più per la partita di ritorno, con la speranza, magari, che ci sia anche qualche tifoso allo stadio. La data è quella del 16 maggio, una settimana prima della fine del campionato. Quel giorno il numero 22 giallorosso conta di essere in campo da protagonista, per poi giocare l’Europeo, e conta di essersi messo alle spalle davvero un 2020 iniziato male  e finito peggio. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa