Resta in contatto
Sito appartenente al Network

L'angolo dell'avversario

Inzaghi: “Gara importantissima per noi, sappiamo cosa vuol dire il derby per la città di Roma”

Il tecnico biancoceleste: “La Roma è un’ottima squadra che sta facendo bene in campionato, stimo molto Fonseca”

Simone Inzaghi, tecnico della Lazio, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della partita contro la Roma. Queste le sue parole raccolte da “Sololalazio.it“.

“Sappiamo cosa vuol dire un derby per la città di Roma. Sarà una gara importantissima per noi, dobbiamo dare continuità alle ultime due vittorie. Determinate gare le abbiamo svolte bene. In questa settimana ho visto negli occhi dei ragazzi la consapevolezza dell’importanza della sfida che andranno a disputare. Dovremo mettere in campo il cuore per i tifosi che ci guarderanno da casa. La Roma è un’ottima squadra che sta facendo bene in campionato, stimo molto Fonseca. Anche noi non siamo da meno, dovremo mettere in campo aggressività e determinazione. Domani non possiamo commettere errori e provare a limitare al meglio le buone individualità dei nostri avversari. Stiamo preparando questa gara nei minimi dettagli. In questa settimana abbiamo avuto due giorni in più per lavorare, ci stiamo focalizzando sulle due fasi di gioco”.

“La formazione devo ancora deciderla. Ho a disposizione ancora due allenamenti e concluderò le mie valutazioni dopo queste sedute. Siamo tutti felici di aver ritrovato Lulic: è il nostro capitano ed ha sofferto molto. Ora sta molto meglio, sta tornando. Per noi è un punto di riferimento, spero che già da domani possa darci il suo contributo in campo. L’assenza dei tifosi peserà tantissimo. Noi con i nostri tifosi avevamo composto un binomio perfetto. Dobbiamo andare avanti così, il calcio dal post Covid-19 è cambiato. Vincere sarebbe importantissimo per le nostre motivazioni. Siamo in ritardo in classifica e dobbiamo dare il massimo in ogni gara. Rispetto alla Roma abbiamo disputato una competizione europea diversa, le gare di Champions League sono più impegnative anche nella preparazione”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario