Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Bruno Conti ricorda Dino Viola: “L’uomo che ha reso grande la Roma”

Marazico ricorda il presidente giallorosso, scomparso nel 1991

Bruno Conti ha condiviso il suo ricordo di Dino Viola sul sito ufficiale del club giallorosso. Ecco le sue parole.

Chi è stato Dino Viola?
“L’uomo che ci ha portato a grandi livelli. Ha costruito pezzo dopo pezzo la squadra che ha saputo cucirsi sul petto un tricolore dopo 41 anni e ci ha condotto alla finale di Coppa dei Campioni. Ma il ricordo più bello è forse la sua presenza a Trigoria e nei vari ritiri. Arrivava in compagnia di Donna Flora. Era sempre con noi calciatori. E seguiva costantemente il settore giovanile: ci teneva tantissimo. Dino Viola è riuscito a far togliere delle enormi soddisfazioni ai nostri tifosi, che vivono per questa maglia. Per questi colori. Rimarrà per sempre nei nostri cuori”.

L’Ingegnere scompare nella sua stagione più difficile, quella 1990-91: cosa ricorda di quegli ultimi mesi di vita del Presidente?
“Fu la stagione del mio addio al calcio. E dell’addio a mio padre. Se ne sono andati a poca distanza uno dall’altro. Fino all’ultimo, Dino Viola ha saputo condurre le sue battaglie con profonda serenità. Lottava perché la Roma fosse rispettata in un periodo di lotte al vertice con la Juventus. Con lui vicino ci siamo sentiti sempre forti. Dino Viola ci ha dato delle regole e ha dato un’impronta al Club. Mi ripeto: lo ha reso grande”.

Una delle citazioni più note dell’Ingegnere è la Roma non ha mai pianto e mai piangerà: perché piange il debole, i forti non piangono mai.
“Già. Dino Viola ci ha insegnato a superare le avversità. Quando hai accanto una figura di riferimento così importante, non ti fai sopraffare dalle difficoltà. Liedholm è stato un maestro sotto l’aspetto tecnico e tattico. Viola, sotto quello della vita”.

Ed è stato anche il Presidente della Roma che ha vinto più.
“Quei successi sono stati la dimostrazione di quanto fosse stato bravo Dino Viola nella sua opera. Da grande ingegnere, assieme al Barone seppe costruire un meccanismo perfetto. E per questo, fu Roma Campione”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra