Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Bivio Fonseca e l’idea Allegri, ma il club scelga in fretta

Il portoghese si gioca la panchina, l’ex Juve è pensiero concreto

The longest day“, il giorno più lungo. Contro lo Spezia non ci sono in gioco solo i tre punti, ma il futuro di Fonseca e quindi della Roma. In caso di mancata vittoria, con uno spogliatoio in ebollizione, sarebbe durissima per il portoghese tenere la panchina. La proprietà americana e il neo ds Pinto si troverebbero così davanti alla necessità di scelte forti. E possibilmente rapide. Il nostro calcio purtroppo non permette i lunghi tempi di ambientamento. Soprattutto in piazze calde come Roma.

Dopo il ko sanguinoso con lo Spezia serviva un intervento rapido del club, una mano sicura, forse un ritiro. Invece è successo di tutto: dalle liti nel sottopassaggio a quelle nello spogliatoio, dalla difesa da parte della squadra del team manager sollevato dall’incarico (accusando lo staff tecnico di scarico di responsabilità) al rifiuto del gruppo di allenarsi con la richiesta di parlare con i vertici del club. Oggi, in formazione rimaneggiata, si capirà se la squadra sta ancora col tecnico. Allegri non è una idea, è molto di più. Se invece Fonseca vincerà e resterà, bisognerà comunque gestire alcune situazioni, a partire da Dzeko. A Trigoria il lavoro per i Friedkin e Tiago Pinto non manca. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa