Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Dzeko-Fonseca, al via la maratona per ricucire

Le ultime indiscrezioni raccolte dalla redazione di Sky Sport

Lo stop è arrivato un po’ da tutte le parti. Prima Fonseca in conferenza stampa nel pomeriggio con un laconico “vediamo la prossima settimana”, poi in serata le parole dell’ad dell’Inter Marotta che parlando di oste e conti ha messo la parola fine a qualsiasi tipo di evoluzioni per lo scambio Sanchez-Dzeko. A conferma di come tutta la giornata di oggi fosse passata senza nessun ulteriore contatto tra Roma e Inter.

Partirà il Dzeko-quater con la maglia della Roma o la “fase 2” del rapporto Dzeko-Fonseca. Oggi è stato il giorno delle prime riflessioni a Trigoria per dare il via alla lunga maratona di riconciliazione tra l’allenatore della Roma e l’attaccante bosniaco.

Un lavoro obbligato che le due parti dovranno fare per il bene della Roma, con la società “regista” della possibile pace. Fonseca ha bisogno di Dzeko, tanto quanto l’attaccante ha bisogno del suo allenatore. Almeno per i prossimi quattro mesi, poi a fine maggio probabilmente ognuno andrà per la sua  strada. Ma adesso c’è una stagione da portare a conclusione, cercando di raggiungere gli obiettivi che la proprietà ha richiesto.

Da Pinto in giù, in società cercheranno di ricongiungere le parti almeno attorno al risultato sportivo e agli obblighi professionali. Quel senso di responsabilità che di questi tempi fa il paio con “fasi” e avverbi latini. Parliamo di calcio, ovvio, non certo di questioni tanto importanti quanto attuali. Ma il nocciolo ha molte similutidini. Mettere un punto e ripartire, lavorando insieme per il bene della Roma. Lo si legge su “Gianlucadimarzio.com”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra