Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Balbo: “El Shaarawy spinto a tornare per amore. Torna a giocare in un campionato che conta”

L’ex giocatore e capitano giallorosso: ” Roma è la città più bella del mondo. Chi vive a Roma lo sa. Quando vai via da qui, avverti subito nostalgia”

Cosa hanno in comune Abel Balbo e Stephan El Shaarawy? Facile, l’amore per la Roma. Non sono tanti i giocatori che hanno lasciato Trigoria per poi tornare. Abel è uno di loro.
Arrivato a Roma nel 1993, Balbo è rimasto fino al 1998. Poi Parma e Fiorentina. E nel 2000 di nuovo alla Roma, per altri due anni. Uno dei più grandi centravanti giallorossi – 87 gol in 182 partite – fece ritorno a casa per cementare con la propria presenza uno spogliatoio di fuoriclasse. Lo Scudetto del 2001 è anche suo.

Cosa la spinse a tornare a Roma?
Volevo finire la mia carriera nel posto dove avevo dato il massimo (nel 2002-03 Abel collezionerà 4 presenze nel Boca Juniors, ndr). Lì dove mi sentivo rappresentato. Volevo concludere la mia esperienza di calciatore indossando i colori che avevo difeso con tanto onore. E poi avevo anche la possibilità di vincere uno Scudetto. Le mie ragioni furono quindi sentimentali.

El Shaarawy ha compiuto il suo stesso percorso.
Certamente, sarà stato mosso anche lui dall’amore per la Roma. Ma Stephan è giovane e torna a giocare in un campionato che conta. Le sue motivazioni saranno quindi anche sportive.

Alla base della sua decisione di tornare ci furono dei calcoli di natura economica?
Nessuno. Ero a fine carriera e ho accettato di guadagnare meno di quello che prendevo a Firenze. Ho fatto questa scelta per amore.

Perché molti giocatori non romani si innamorano di Roma e della Roma?
Dipende da come ti trovi: dal tuo feeling con il Club, con la tifoseria e con la città. Il mio è stato eccezionale con tutte queste componenti. Franco Sensi fu come un padre e Roma è la città più bella del mondo. Chi vive a Roma lo sa. Quando vai via da Roma, avverti subito nostalgia. Io sono molto legato a questi colori, indipendentemente dai successi che ho colto.

Fino a qualche tempo viveva all’estero. Ora si è stabilito definitivamente a Roma?
Non me ne sono mai andato per davvero. Abito a Roma dal 1993. Per un periodo sono stato negli Stati Uniti – è vero – perché i miei figli studiavano là, e mi capitava di andare ogni tanto in Argentina, perché avevo degli interessi da curare. Quindi, stavo poco a Roma. Ma questa è la mia città. Qui vivo con la mia famiglia. E la Roma è casa mia.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News