Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Le nuove gerarchie: Ibanez centrale, Pau in porta

Under

Ibanez giocherà al centro della difesa, in porta ci sarà Pau Lopez

Paulo Fonseca ridisegna l’asse centrale della Roma. Se il ballottaggio tra Dzeko e Borja Mayoral è destinato ad essere un tema per il resto della stagione, in difesa le scelte del tecnico sembrano definitive. A partire dalla porta, dove lo spagnolo sembra essersi ripreso la titolarità, persa nella seconda parte della scorsa stagione e riacquistata quest’anno solo a causa dei problemi fisici di Mirante. Le prestazioni dell’ex Betis non hanno entusiasmato, ma anche il suo “rivale” ha avuto passaggi a vuoto.

A parità di prestazioni, la scelta di Fonseca è tutelare un patrimonio della società: Pau Lopez è stato pagato 24 milioni di euro, e se c’è una possibilità di recuperarlo l’unica strada è quella di farlo giocare.

Davanti a lui ci sarà Roger Ibanez. L’infortunio dell’inglese, out almeno un paio di settimane, lo hanno riportato nel cuore della difesa. Le caratteristiche tecniche del brasiliano lo rendono il centrale ideale nella difesa a tre: è veloce nei recuperi, ha piedi buoni e personalità per far ripartire l’azione dal basso, evitando così che debba abbassarsi un centrocampista per giocare la palla direttamente dal portiere. Oggi dovrà sdoppiarsi in aiuto dei suoi compagni di reparto per contenere CR7 e Morata. Il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa