Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Paulo lo scalatore, fa la Roma con i giovani: “Chiedo solo ambizione”

La mia vita non è stata una scala di cristallo”, scriveva il poeta statunitense Langston Hughes, e pensando al suo percorso di allenatore, avrebbe potuto dirlo anche Paulo Fonseca

Il suo rosario è nobile solo in parte: Estrela Amadora, 1° Dezembro, Odivelas, Pinhalnovense, Desportivo Das Aves, Paços de Ferreira, Porto, Braga e poi lo Shakhtar Donetsk, in Ucraina. Come si nota, se Andrea Pirlo ha approfittato delle sue doti per essere un predestinato anche da allenatore, il portoghese ha dovuto arrampicarsi con tenacia sulla parete del calcio, fin da quando piantava i tacchetti delle scarpette senza enorme fortuna nelle zolle dei campi portoghesi.

Ritrovarsi in Italia a sfidare la Juve un gradino sopra la squadra campione d’Italia, a suo modo può essere una specie di consacrazione per Paulo Fonseca, anche se il bilancio con le grandi resta modesto: 3 vittorie in 19 gare, Coppe comprese. Sarà per questo che, mentre Pirlo è virtualmente sicuro di essere sulla panchina bianconera il prossimo anno a prescindere, chissà se a Fonseca basterà la clausola che gli garantisce l’avvenire nella Roma in caso di qualificazione in Champions. Non è un caso forse che, a chi gli chiede del futuro, risponde con l’aria malinconica da “fado”, dicendo: “Io penso solo al presente, che è la partita con la Juve”.

Ci sta pensando con l’aria di chi è stato quasi costretto a fare una rivoluzione copernicana. A inizio stagione, la sua era la Roma dei tre tenori, i senatori PedroMkhitaryan e Dzeko, spalleggiata in difesa dall’esperienza di Smalling. Stasera gli è rimasto in campo solo l’armeno, costringendolo a varare una retroguardia da linea verdeMancini, Ibanez e Kumbulla però, oltre che un ottimo presente, sembrano essere il passaporto per un avvenire di sorrisi. A meno che il “crash test” contro Ronaldo non racconti altre verità.Una cosa è certa: Fonseca non vorrebbe soffrire di nostalgia per l’assenza dal 1’ di Dzeko. “Si è allenato bene, ma sarà Cristante il capitano“. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa