Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Tognazzi: “Spalletti? Non l’ho sentito. Non è il cattivo, ma l’antagonista di Francesco”

Le parole del noto attore romano

Intervenuto sulle frequenze di Teleradiostereo, Gian Marco Tognazzi, che interpreta Luciano Spalletti in “Speravo de morì prima”, ha rilasciato queste dichiarazioni:

Vi aspettavate tutto questo clamore?
“Si sono viste 4 immagini e si sono dati una serie di giudizi negativi. E’ la ricostruzione della storia di un campione, tratta da un suo libro, supervisionata proprio da Totti stesso. Io sono romano e mi dispiace leggere quanto non siano somiglianti gli attori ai protagonisti, non capisco questo atteggiamento. Credo sia polemiche futili”.

Non avete fatto una satira dei personaggi che interpretavate? Spalletti ha il ruolo del cattivo?
“Non direi cattivo, è l’antagonista. Abbiamo ripreso tutto dal libro, è la versione di Francesco, è come lui ricorda di aver vissuto quei momenti. Sento critiche “prematurate”, i commenti più profondi sono paragonabili al gossip”.

Non credi che andavate a toccare un nervo scoperto?
“No, perchè è tratto dal suo libro”.

Qual è stata la cosa più difficile nel fare Spalletti?
“Cerchi di trovare delle somiglianze, non è fare l’imitazione, non la cercavo, stavo tentando di trovare uno stato d’animo, un tratto che possa ricordare quella storia. Bisogna stare sulla storia, non su altro. Se si sentirà offeso? Non è un mio problema, spero di no, abbiamo provato a raccontare quello che è stato un momento della carriera di Totti, dal suo punto di vista. Se a Francesco non fosse piaciuta questa operazione, per quale motivo allora avrebbe dovuto partecipare anche ai teaser con Castellitto?”.
Le tempistiche: non era presto fare una serie proprio ora?
“Non lo so, forse, ma non sta a me giudicarlo. Mi dispiace che il tifoso della Roma non l’abbia presa bene. Commenti disattivati sotto la pagina di Sky? Questa serie comunque non verrà vista solo dai romani”.

Ti sei sentito con Spalletti?
“No, non lo conosco personalmente, non ho parlato nè con lui, nè con Totti. Se Luciano dovesse propormi un sequel, lo farei senza problemi. Il cinema è una sintesi, sembra un lavoro semplice, ma non lo è”

31 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

31 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News