Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Jordan scommette: “Adesso sto bene e arrivo a 10 gol”

Protagonista di giornata il francese

Appena una, visto che Veretout ha già battuto il suo record personale di reti stagionali in Serie A, a cui si aggiunge anche quella segnata in Europa League. Insomma, un numero da dieci e lode. E Jordan conferma la scommessa. “È vero. L’allenatore mi ha parlato di una cosa che devo realizzare entro fine stagione e ci siamo quasi, ma ne parlerò meglio quando ci arriverò”.

Grazie a lui, la Roma scaccia i fantasmi di Torino. “Avevamo perso tre punti con la Juve. Lo abbiamo fatto in una buona maniera, abbiamo fatto un grande primo tempo. Dobbiamo migliorare anche nel secondo tempo, perché subiamo troppo facilmente occasioni dagli avversari. Stavolta, comunque, abbiamo fatto una buona partita e dobbiamo continuare così“.

Il peso specifico di Veretout, in fondo, lo si capisce dal fatto che come reti segnate in campionato, ha superato un totem giallorosso come Vincent Candela: 15 contro 14 (e in generale 17 contro 16). Ed è anche per questo che il francese è sempre più pronto al rinnovo, pur essendo in scadenza nel 2024. Nella scorsa settimana il suo agente, Mario Giuffredi, ha incontrato Tiago Pinto e, oltre a proporre lo svincolato Hysaj del Napoli, hanno convenuto che presto arriverà il momento per sedersi a tavolino e lavorare al prolungamento.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa