Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Tiago Pinto tenta Musso: il portiere ora è in pole

Il portiere dell’Udinese è il portiere che piace a Trigoria

Juan Agustin Musso piace davvero alla Roma. È il portiere che Tiago Pintoha individuato come possibile erede di Pau Lopez. Ma domenica scorsa, in occasione della partita con l’Udinese, non c’è stato alcun colloquio tra le società. Di più: Pierpaolo Marino non ha ricevuto alcuna richiesta dalla Roma per Musso. I contatti semmai sono avvenuti tra la Roma e l’entourage del portiere argentino, valutato 20 milioni.

Musso, che proprio nei giorni scorsi ha confermato l’interessamento di Inter e Roma, ha dato logica disponibilità al trasferimento. Non ha espresso preferenze tra i due club, anche se ambirebbe a giocare titolare in una squadra che partecipi alla Champions League. L’Inter può soddisfare il secondo requisito, ma non il primo: l’ipotesi sarebbe acquistarlo come vice di Handanovic per poi ereditarne il ruolo nel 2022. È su questo punto che la Roma può far valere un vantaggio.

La Roma può contare su almeno un paio di giocatori graditi all’Udinese, in particolare all’allenatore Luca Gotti. I giocatori sono Amadou Diawara e Carles Perez. Ovviamente hanno stipendi impegnativi, ma su questo fronte un accordo si potrebbe trovare.

Oltre a Musso, la Roma segue Gollini dell’Atalanta e Silvestri del Verona. Il primo interessa di più ma è più caro, mentre Silvestri – che va in scadenza nel 2022 – potrebbe essere preso a prezzi ragionevoli. Molto dipenderà dal budget di cui disporrà Tiago Pinto l’estate prossima. Vale anche per Musso, naturalmente. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa