Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Carvalhal: “Squadra stoica, ma questa partita meritava altri arbitri”

Il tecnico dei portoghesi mastica amaro dopo la sconfitta per 0-2 in casa subita dalla Roma allenata dall’ex Paulo Fonseca

Una Roma brillante supera il primo ostacolo per la qualificazione agli ottavi di finale di Europa League, battendo 0-2 il Braga. Al termine della gara ha parlato il tecnico dei lusitani Carlos Carvalhal:

CARVALHAL A SPORT TV

I miei giocatori sono stati stoici. Il gol all’inizio ci ha gelato, ma siamo rimasti aggrappati molto bene. Abbiamo spinto la Roma a una partita difensiva, abbiamo avuto tre o quattro occasioni per segnare. Dovevamo essere più concreti. La musica è stata la stessa nella ripresa, fino all’espulsione. Toccava a noi sapere come difendere e provare a segnare. La squadra è stanca, ma i miei giocatori sono stati brillanti. C’erano due grandi squadre in campo. Ma in tutta onestà, la squadra arbitrale ha fatto vedere una prestazione complessivamente scarsa. Questa partita meritava un’altra squadra arbitrale.

La Roma ha limitato la costruzione del Braga
Non me ne sono accorto. All’inizio la partita era un po’ bloccata, ma sentivo che la mia squadra era libera. Sapevamo dove fossero gli spazi che dovevamo esplorare e lo abbiamo fatto bene. Siamo entrati più volte in area della Roma, ci siamo mossi bene e non abbiamo permesso grandi contropiedi ai giallorossi. Abbiamo fatto quello che dovevamo fare, ma dovremmo essere più attenti e determinati nell’ultimo passaggio. Abbiamo fatto degli errori collettivi. Peccato che non siamo rimasti in parità numerica, però c’è una partita da fare e dovremo cercare di raggiungere quello ora sembra impossibile.

La prestazione
La squadra aveva un ottimo piano di gioco, non dico che fosse migliore della Roma. È brutto fare questa constatazione perché eravamo in partita con molta qualità, anche nella circolazione della palla. Andavamo alla ricerca di spazi, di bloccare i loro passaggi, sono orgoglioso dei miei giocatori. Poi il primo cartellino giallo per Esgaio non c’era mentre il secondo era giusto. La prestazione complessiva della squadra è stata però di grande carattere.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News