Resta in contatto

Stadio della Roma

Stadio, Caudo (PD) “Era diventato una “romanella” e poi la Raggi non ha mantenuto promesse fatte alla Roma”

“Così è normalè che gli investitori decidano di lasciar perdere”

Giovanni Caudo, presidente del III municipio di Roma Capitale già assessore all’Urbanistica con il sindaco Ignazio Marino, è intervenuto su Nsl Radio sulla vicenda dello Stadio della Roma. Di seguito alcune dichiarazioni.

“Lo stadio non ci sarà perchè sono cambiate le condizioni a causa del Covid, poi dal 2017 ad oggi l’amministrazione Raggi non ha fatto un atto e non ha completato il lavoro ed è evidente che qualsiasi investitore avrebbe deciso di lasciar perdere se il rischio è di non portare a termine il progetto che oltretutto così come era stato modificato non era più di pubblico interesse ma era una ‘romanella’ di stadio”.

“Con la Raggi lo stadio di Tor di valle ha vissuto una situazione di incertezza che non si è mai risolta. Quando è stato modificato in maniera sostanziale si è smontato un progetto senza rimontarne uno in grado di stare in piedi. L’ AS Roma poteva essere più accorta nell’accettare quella specie di accordo che poi non è stato mai siglato formalmente ma che era basato solo su una promessa che poi non è stata mantenuta”.

“Io penso che la Roma e la Lazio abbiano diritto a questa operazione, spero si possa ricominciare anche perché serve davvero un segnale importante da dare al mondo, perché Roma in questa vicenda ha fatto una figuraccia internazionale, bisogna far capire che Roma quando prende un impegno costruendo un percorso questo viene mantenuto perché ne va della considerazione che gli altri hanno della cottà. Faccio l’esempio di Milano, molto cose che sta facendo in questo momento Sala sono state decise da Albertini e dalla Moratti, tutti atti di continuità amministrativa ma a Roma invece ricominciamo sempre da capo. Questa è un’ombra brutta sulla nostra città”.

“Un’altra area per lo stadio? Il tema è molto semplice, per fare uno stadio per la Champions League ci sono standard che non sono banali,  avere un impianto di questo tipo in un contesto urbano sarebbe una favorevole ma non puoi mettere in conto di arrivarci in macchina perché i tifosi si muovono non solo dal centro città ma anche da fuori,  a Tor di Valle i tifosi che sarebbero arrivati in macchina avrebbero parcheggiato subito dopo essere usciti dall’autostrada Roma – Fiumicino, certo si può pensare ad uno stadio più cittadino, tipo il Flaminio ma a quel punto bisogna ridimensionare le prospettive sul tipo di stadio che si vuole fare perché si rischia di mettere sottosopra un intero quartiere come già accade adesso con l’Olimpico con macchine parcheggiate al centro della strada sul lungotevere che è una cosa incivile”.

“Chi sarà il prossimo Sindaco di Roma? Se mai si faranno le primarie darò il mio contributo per affrontare le questioni che questa città si trascina da troppo tempo, c’è bisogno di un dibattito aperto speriamo si possa fare un confronto con tutti i candidati speriamo che ci siano i migliori e persone di alto prestigio perché questo non può che fare bene alla città”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Stadio della Roma