Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

L’Europa primo passo. Il casting dei Friedkin per la Roma del futuro

Friedkin

I Friedkin pianificano il futuro della Roma

All’Amsterdam Arena, l’8 aprile, la Roma non si giocherà solo i quarti di finale di Europa League. A 30 anni dall’ultima finale europea, il futuro della squadra italiana che più di tutte ha contribuito al ranking UEFA negli ultimi 5 anni (Juventus esclusa) passerà dalle emozioni che saprà offrire a Dan e Ryan Friedkin. Tutto cominciò con la Brexit: “Dove spostare i nostri interessi europei?“, si sono chiesti i texani. Dopo aver scartato Francia e Germania hanno scelto Roma. E la Roma in vendita era una grande occasione. Tramite il calcio attirare investitori per un nuovo polo dell’industria automobilistica, dell’intrattenimento di lusso e dello sviluppo sostenibile. Poi c’è il calcio, intorno a cui ruota tutto il progetto.Dalla torretta che domina Trigoria padre e figlio osservano, poi decidono. Studi, statistiche e analisi, strumenti base del loro progetto sportivo.

Hanno indicato al gruppo una rosa di allenatori giovani con esperienza nelle coppe. In cima alla lista c’è Julian Nagelsmann del Lipsia. La dirigenza è realista e non ha scartato l’opzione che più piacerebbe ai tifosi: Massimiliano Allegri. Fonseca non è fuori, una clausola gli permette di rinnovare se arrivasse quarto. L’Europa è il maggiore alleato del mister portoghese. Fonseca ha dimostrato di saper navigare nelle acque agitate della capitale nonostante gli infortuni a partire da Zaniolo. Se la Roma ha recuperato Dzeko il merito è anche di un gruppo: Pellegrini, Cristante, Mancini, Spinazzola e Mirante. Al club sono stati offerti poi due gigante: Icardi e Aguero. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa