Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fonseca si gioca tutto. Roma e Paulo al bivio: “Io rifarei ogni cosa”

Il tecnico portoghese in bilico, si gioca tutto in Europa League

Fonseca si gioca tutto proprio nel giardino prediletto: l’Europa. In due stagioni, infatti, il suo bilancio in Coppa è stato senz’altro dignitoso, con 11 vittorie, 5 pareggi e 3 sconfitte. Non sono numeri alla Guardiola, certo, ma agli occhi della proprietà vecchia e nuova sono valsi l’anno scorso gli ottavi (con eliminazione in gara unica) e stavolta i quarti di Europa League, potendosi fregiare del fatto di essere l’unica squadra italiana rimasta in corsa nel Vecchio Continente.

Insomma, se in campionato il 7° posto sembra essere uno sberleffo alle ambizioni dei Friedkin, il terribile inverno che – come l’anno scorso – ha fatto scivolare indietro la Roma, non ha intaccato le speranze europee,che però stanotte andranno coltivate contro una squadra nobile (34 titoli d’Olanda, 4 Coppe dei Campioni e 2 Intercontinentali, 2 Supercoppe europee, una Coppa Coppe e una Coppa Uefa) e giovane. Un dato per tutti: tra le due presumibili formazioni titolari ci sono circa 4 anni di differenza come età media. Nel calcio, un vero abisso.

Insomma, l’Ajax fa quello che i Friedkin in prospettiva vorrebbero fare, anche perché i Lancieri sono a un passo dal rivincere il campionato e in casa, in Europa League, hanno vinto gli ultimi 10 match. Fonseca ogni giorno sente nomi di possibili eredi per la panchina. Maurizio Sarri è in prima fila tra chi arriva dalla Serie A (occhio però anche a Juric e Italiano), ma il general manager Tiago Pinto sonda anche il mercato estero, visto che – oltre al sempiterno Nagelsmann – resistono anche i nomi di Amorim dello Sporting Lisbona e Conceiçao del Porto. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa