Resta in contatto

News

Mihajlovic: “Non meritavamo di perdere. Siamo stati superiori”

“Nessuno ci mette sotto, solo la partita d’andata con la Roma poi nessuno ci ha messo sotto”

Sinisa Mihajlovic ha commentato la sconfitta del suo Bologna contro la Roma ai microfoni di “Sky Sport”. Di seguito le dichiarazioni del tecnico rossoblu.

Sulla partita…
“È come la settimana scorsa. Tu crei, giochi e poi non puoi andare 1-0 per loro al primo tempo: hanno passato due volte la metá campo. Abbiamo avuto 4-5 occasione e non abbiamo mai segnato, abbiamo fatto tutto quello che dovevamo fare. Quando giochiamo con le squadre forti succede sempre così, facciamo più possesso creiamo più occasioni e poi torniamo a casa con zero punti e questo mi dispiace. Non possiamo sempre dire che abbiamo giocato bene e fatto una bella partita, non serve a niente”.

Serve un centravanti importante?
“Non lo so, parleremo con il presidente ma non so di cosa. Noi dobbiamo salvarci ora, abbiamo due partite in casa e fare il massimo. Mi dispiace perché sia contro l’Inter che con la Roma non meritavamo di perdere, in campo non si è vista la loro superiorità anzi eravamo superiori noi”.

Fai fatica ad accettare i limiti della squadra…
“Si perché mi dispiace, perché per quanto giochiamo e creiamo mi dispiace. Nessuno ci mette sotto, solo la partita d’andata con la Roma poi nessuno ci ha messo sotto. Significa che ci manca qualcosa questo si, ma dopo la partita mi rode perché succede sempre che giochiamo meglio ma perdiamo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News