Resta in contatto

Rassegna Stampa

Un boato nelle casse della Roma e tutta l’Italia a Manchester

Notte magica per i tifosi giallorossi

Passa una Roma mai così United nella volontà di arrivare in semifinale di Europa League con le unghie e con i denti. Contro l’Ajax poco gioco, troppa passività, poche azioni e spettacolo assente: lo diciamo subito e ci togliamo il dente… Però in Europa ce n’è rimasta una sola, la Roma di Fonseca, e allora teniamocela stretta. I giallorossi hanno avuto il grande merito di essere umili, attenti, compatti. Caratteristiche che vanno mantenute in semifinale, ma per battere il Manchester e centrare la finale servirà anche altro. Lo sanno Fonseca e i giocatori: non c’è bisogno di ripeterlo troppo. Raggiungere al primo colpo una semifinale è un grande traguardo per la famiglia Friedkin, che nella Roma sta mettendo denaro e presenza.

Da oggi si comincia a pensare al Manchester e alla prima sfida del 29 aprile. Sarà bello per tutti avvicinarsi all’evento, studiare gli avversari, pregustare una vendetta sportiva rispetto a quel maledetto 7-1 che ancora brucia. A questa Coppa è legato anche il futuro di Paulo Fonseca, un generale che sarebbe piaciuto a Napoleone, perché nel momento decisivo la buona sorte non lo ha abbandonato. Vincere la competizione renderebbe la sua posizione inattaccabile. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa