Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Voeller: “Abbiamo apprezzato il comportamento dei Friedkin. Felice che rappresentino la mia Roma”

“Ho subito chiamato l’ad Guido Fienga per manifestargli la mia soddisfazione per la scelta”

Rudi Voeller, dirigente del Bayer Leverkusen, è tornato a parlare della Superlega a “Il Messaggero” concentrandosi sul “no” dei Friedkin. Le dichiarazioni dell’ex giallorosso: “Complimenti ai Friedkin, sono proprio felice che a rappresentare la mia Roma ci siano loro. In Germania abbiamo apprezzato il loro comportamento“.

La Roma, nonostante la proprietà USA fosse stata contattata dai fondatori della Superlega, si è rifiutata di aderire al loro progetto. Bene, no?
“Martedì sera ero a Monaco, con il Bayer Leverkusen per la gare contro il Bayern. Allo stadio ho letto il comunicato del club giallorosso che ha dichiarato la sua fedeltà alle istituzioni sportive, a comincare dalla UEFA. Ho subito chiamato l’ad Guido Fienga per manifestargli la mia soddisfazione per la scelta. Li ho ringraziati. Poi…”

Poi?
“Vicino a me avevo Rummenigge che ha ascoltato la telefonata. Kalle ha voluto parlare con Fienga, anche per per dire al dirigente giallorosso di girare i suoi complimento alla famiglia Friedkin. Gli abbiamo detto che sono stati bravi a non cadere nella trappola.”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa