Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mou rivoluziona il centrocampo: piace Douglas Luiz

Roma

Piace il brasiliano dell’Aston Villa

Oggi, vent’anni fa, la Roma festeggiava il terzo scudetto della sua storia.Due decenni in mezzo a due epoche completamente diverse, con l’avventura dei secondi proprietari americani della storia cominciata da meno di un anno. E per provare a interrompere un digiuno così lungo, i Friedkin, che si sono affidati a Mourinho, sanno di dover investire nella squadra.

Il tecnico portoghese ha chiesto di ripartire dal centrocampo, settore che considera incompleto e non di livello alto in tutti i suoi componenti, settore fondamentale per ricostruire un gruppo con grande fisicità e carattere. Oltre allo svizzero Xhaka, lo Special One ha fatto una lista con vari nomi, tra cui quello di Douglas Luiz, brasiliano all’Aston Villa dal 2019, centrocampista di 23 anni, con un contratto fino al 2023.

Il club inglese chiede una ventina di milioni – come l’Arsenal per Xhaka – ma Tiago Pinto non vorrebbe spingersi oltre i 16 milioni. Al di là di nomi e cifre, la certezza è che Mourinho considera Diawara cedibile, mentre vuole lavorare da vicino con Veretout per valutarlo. Cristante, attualmente in nazionale, può stare in rosa, Villar deve maturare, Darboe può andare in prestito. E Pellegrini è da capire – in attesa dell’evoluzione del suo rinnovo contrattuale – dove lo vede tatticamente.  Lo scrive “La Repubblica”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa