Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pau López, il suo futuro si decide tra un mese

Pau Lopez

Per l’estremo difensore giallorosso si sono mossi club spagnoli e francesi

Pau López ha vissuto due stagioni complicate, durante le quali le buone prestazioni sono state oscurate da pochi, ma decisivi, errori. Per qualcuno pecca di personalità, per altri parla poco e comunica in modo errato con la difesa. La squadra l’ha sempre sostenuto, così come la società, che non gli ha mai fatto mancare la fiducia. Fonseca, dopo avergli preferito Mirante in alcuni momenti, l’ha rilanciato a più riprese.

La sua ultima annata si è conclusa anzitempo nel momento in cui le sue prestazioni apparivano in crescita. A Old Trafford, nella semifinale d’andata di Europa League, Lopez si è infortunato alla spalla e pochi giorni dopo si è operato. Da inizio maggio è stato in riabilitazione e sabato mattina la visita di controllo a Villa Stuart ha confermato le buone sensazioni: tra un mese potrà tornare ad allenarsi.

Il ritiro a Trigoria, agli ordini di Mourinho, sarà già cominciato, ma occhio al mercato: in quella data Pau potrebbe aver già fatto le valigie. Oggi pesa circa 15 milioni a bilancio, significa che in caso di cessione la Roma fisserà la soglia minima di vendita a quella cifra, l’alternativa è il prestito.

C’è da valutare anche la sua volontà, molto dipenderà dall’evoluzione delle trattative in entrata, da Rui Patricio alla sua eventuale alternativa, fino alle prospettive di Fuzato che la Roma vorrebbe tenere come vice. Diversi club francesi e spagnoli si sono mossi per avere informazioni su Pau Lopez, con Granada e Lille che avrebbero già un piano per convincere la Roma. Si legge oggi su Il Corriere dello Sport

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa