Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Antonelli: “Ho recuperato in 5 mesi dalla rottura del tendine d’Achille”

Spinazzola

Roberto Antonelli, ex giocatore di Roma e Milan, subì lo stesso infortunio di Leonardo Spinazzola

Roberto Antonelli, ex calciatore giallorosso e rossonero, subì lo stesso infortunio patito da Leonardo Spinazzola contro il Belgio. Antonelli ha parlato ai microfoni di Centro Suono Sport all’interno della trasmissione “Bar Forza Lupi”. Ecco le sue dichiarazioni in merito all’infortunio:

La tua avventura alla Roma è stata caratterizzata dal quel gravissimo infortunio…
“L’ho subìto in Coppa delle Coppe, purtroppo ho saltato quasi tutta la stagione e sono rientrato in tempo per segnare al derby. Spero che Spinazzola possa recuperare presto perché è un grande giocatore”.

Cos’hai pensato vedendo le immagini di Spinazzola?
“Pensavo fosse un semplice stiramento, quando è accaduto a me avevo il tendine proprio tranciato di netto, sono crollato di colpo. Non pensavo fosse un infortunio così grave quello accorso a Spinazzola”.

La dinamica del tuo infortunio?
“Mi sono fatto male da solo, ho sentito come una frustata, come se qualcuno mi avesse tirato un sasso dalla tribuna. In quella partita avevo un difensore che mi rincorreva, pensavo mi avesse toccato e invece avevo semplicemente messo male il piede”.

Come hai vissuto quella situazione?
“Purtroppo ho portato il gesso sino all’inguine per un mese, poi per un altro mese fino al ginocchio. Ho ricominciato la riabilitazione e rientrai dopo 5 mesi e fu quasi un record all’epoca, è stato un periodo molto difficile perché la terapia è stata molto lunga. Non c’erano le tecniche odierne, per questo spero che Spinazzola possa rientrare prima. I tempi erano 5-6 mesi anche quando giocavo io, ero pronto per giocare ma non è che avessi recuperato totalmente il movimento del piede, 5 mesi è stato un tempo di recupero buono perché questo è un infortunio raro e molto grave. Ricordo che il dott. Alicicco mi ricostruì il tendine con un cerotto e arrivai a Roma senza sentire dolore, poi mi hanno ricoverato e operato il giorno successivo”.

Alicicco è stato un grande medico…
“Ha fatto delle cose eccezionali a Roma, mi ha aiutato tantissimo”.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News