Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 10 luglio 2018: la Roma presenta ufficialmente Bryan Cristante

Il centrocampista arrivò in giallorosso dopo l’ottimo rendimento avuto con l’Atalanta nella precedente stagione: “Appena ho saputo che la Roma mi cercava non ho esitato”

Il 10 luglio dello scorso anno la Roma presentava ufficialmente Bryan Cristante. Il centrocampista arrivava dall’Atalanta di Gasperini, in cui aveva disputato una stagione eccellente, tanto da farlo diventare uno dei nomi caldi della sessione di mercato. Durante la conferenza stampa di presentazione, in cui era presente anche l’allora direttore sportivo giallorosso Ramon Monchi, Cristante rilasciò alcune dichiarazioni:

Che impressione ti aveva fatto la Roma lo scorso anno?
“Una grande impressione. Il mister ha fatto un gran lavoro, si sono visti i risultati in campionato e in Europa”.

Hai paura che passare dal sistema di Gasperini a una dimensione come la Roma possa darti problemi?
“Sono tranquillo, il mister qui sa valorizzare i centrocampisti e le mezzali. Con il lavoro e la voglia si può e si deve far bene anche qui”.

Il tuo nome è stato accostato alla Juve e alla Lazio. Quanto c’era di vero? Come mai hai scelto la Roma?
“Non ho seguito particolarmente i giornali. Appena saputo dell’offerta della Roma non ho esitato. Ho pensato fosse il posto giusto per me per crescere, per l’allenatore che c’è”.

Anche il ds Monchi rilasciò alcune dichiarazioni, legate sia all’arrivo del giocatore, che alle capacità della Roma:

Cosa può aggiungere Cristante come caratteristiche?
“Ha capacità di inserimento, forza, gol e insieme agli altri giocatori che abbiamo forma un centrocampo

Avete 3 centrocampisti per ruolo. Avete il miglior reparto in Italia?
“Abbiamo un buon centrocampo ma non posso dire se sia migliore. Siamo contenti, abbiamo diversi ruoli coperti ed è importante. Siamo forti ma non ho bisogno di paragonarmi agli altri, l’importante è essere contento di quel che abbiamo fatto e io sono molto contento”.

Si può parlare di scudetto? Utopia?
“Nulla è utopia, l’anno scorso è mancato poco per arrivare in finale di Champions. Nessuno l’avrebbe potuto immaginare a settembre. Sarà difficile perché negli ultimi 7 anni l’ha vinto la stessa squadra. Dobbiamo fare di tutto per provarci. I tifosi meritano che noi parliamo di meno e facciamo i fatti”.

Il centrocampo della Roma è più forte dello scorso anno?
“L’anno scorso avevamo un centrocampo fortissimo, quest’anno è anche forte. Più o meno non cambia niente, l’importante è avere fiducia in ciò che abbiamo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord