Resta in contatto

Euro 2020

SIAMO CAMPIONI D’EUROPA!

Partita infinita  a Wembley, decisa solo dal dischetto dopo l’1-1 ai tempi regolamentari e ai supplementari davanti a Mattarella

ITALIA (4-3-3): Donnarumma; Di Lorenzo, Bonucci, Chiellini, Emerson (13′ sts Florenzi); Barella (9′ st Cristante), Jorginho, Verratti (6′ pts Locatelli); Chiesa (40′ st Bernardeschi), Immobile (9′ st Berardi), Insigne (1′ pts Belotti). A disp.: Meret, Sirigu, Toloi, Acerbi, Bastoni, Pessina. CT: Mancini


INGHILTERRA (3-4-2-1): Pickford; Walker (15′ sts Sancho), Stones, Maguire; Trippier (25′ st Saka), Phillips, Ricem (29′ st Henderson, 14′ sts Rashford), Shaw; Mount (9′ pts Grealish), Sterling; Kane. A disp.: Johnstone, Ramsdale, Chilwell, James, Bellingham, Calvert-Lewin. CT: Southgate

 

ARBITRO: Kuipers (OLA).

RETI: 2′ PT Shaw, 22′ st Bonucci

AMMONITI: Barella, Insigne, Chiellini, Maguire, Jorginho

LA CONTESA. Per l’atto conclusivo di Euro 2020, i due CT confermano gli undici della vigilia. 4-3-3 per Mancini, 3-4-2-1 la risposta di Southgate. Che esulta per il gol a freddo dopo 2′ di Shaw, il quale (imbeccato da Trippier) fulmina Donnarumma, con una botta col sinistro da distanza ravvicinata di prima intenzione. Difesa azzurra però, non esente da colpe. Nonostante il vantaggio i padroni di casa non abbassano la pressione. Problemi fisici per Jorginho (22′) che stringe i denti e rientra in campo. Lasciano poco spazio gli inglesi alle offensive azzurre che scarseggiano in attesa di una fiammata. Che arriva da Chiesa al 35′, il quale sfiora il pareggio. Sembra avere più coraggio l’undici di Mancini, grazie anche al trio Barella, Chiesa e Verratti molto bravi nello stretto, che però va all’intervallo dopo 4′ di recupero, sotto di una rete, con Immobile sfortunato al tiro al 46′.

Si ricomincia con gli stessi undici giocatori per parte, già visti nella prima frazione. Barella è il primo ammonito del match e al 9′ esce per far posto a Cristante. Fuori anche Immobileper Berardi. Serve una svolta, che quasi arriva due minuti dopo con l’intervento di Pickfordsu Insigne. Il portiere salva ancora i suoi al 17′ con un super intervento su Chiesa. Dall’altra parte Donnarumma mette in angolo la sfera calciata da Maguire, fondamentale ad evitare la rete al 21′, cosa che invece la sua squadra non può al 23′, quando Bonucci impatta  sulla palla prolungata offerta da Cristante dopo la parata incredibile del portiere su Verratti. Al 28′ Berardi grazia l’Inghilterra a due passi dalla porta. A Wembley va in scena un’altra partita. A farla è l’Italia, che chiude i padroni di casa nella l0ro metà del campo.

Chiesa, toccato duro da Walker, deve lasciare il terreno di gioco a beneficio di Bernardeschi. L’arbitro deve sospendere il gioco (42′) per qualche minuto, a causa di un’invasione di campo. Si riparte per giocare i restanti minuti fino al 45′, ai quali vanno aggiunti i 6 di recupero. Al fischio finale dell’olandese Kuipers si va ai supplementari. Che vede le due squadre iniziare forte come ritmo, meno come azioni. Anche se Pickford  (13′) interviene in modo fortunoso con la coscia destra un pallone fatto arrivare da Emerson, con Belotti che poi non trova la porta. Nel secondo tempo (2′) parata in due tempi del portiere sulla punizione di Bernardeschi. Ora soffre l’Italia, che però non molla e cerca di reagire.

Tre minuti di recupero e poi chi vincerà Euro 2020 si deciderà ai rigori. Dal dischetto Berardinon sbaglia e Kane fa lo stesso. Pickford dice no a Belotti, mentre Maguire sigla. Nella terza serie Bonucci non fallisce e Rashford calcia sul palo. Bernardeschi non lascia scampo al portiere avversario, Donnarumma è fantastico su Sancho. Jorginho fallisce il match ball. Saka trova un super Donnarumma che ci regala l’Europeo!

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Euro 2020