Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Calciomercato

Da Pastore e Pedro fino a Santon e Florenzi: il punto sulle uscite

Pastore

Tiago Pinto al lavoro per sfoltire la rosa

Dopo le operazioni chiuse (Pau Lopez, Under) e quelle in chiusura (Olsen e Kluivert), il gm giallorosso Tiago Pinto continua a lavorare per sfoltire la rosa. Piero Torri su “Il Romanista” fa il punto della situazione.

“Potrà sembrare pure strano, ma l’interesse del Monaco sembra davvero concreto per Pastore. La Roma e l’argentino starebbero trattando per una rescissione bilaterale del contratto. Cosa che la Roma sarebbe anche disposta a fare pur nella consapevolezza di fare una minusvalenza, ma a patto di risparmiare sull’ingaggio lordo biennale di Pastore, ingaggio che dice quasi quindici milioni. Pare però che Pastore alla Roma abbia chiesto di pagargli le due annualità più o meno al completo. A queste condizioni non se ne fa nulla. Anche perché il Monaco è disponibile ad accollarsi l’ingaggio, ma a patto di non pagare il cartellino.

Un altro caso spinoso è quello di Pedro: il suo procuratore sta lavorando per trovare un club disposto a prendere il giocatore che guadagna tre milioni netti, ma al momento non sono arrivate offerte per l’attaccante spagnolo. Qualcosa, al contrario, si starebbe muovendo per Santon. Dopo le sirene turche, Beskitas e Galatasaray, che sembra non abbiano convinto il giocatore, c’è lo Spezia.
Silenzio quasi assoluto per Coric e Bianda. Per il primo si parla di un suo possibile ritorno alla Dinamo Zagabria, per il difensore di qualche club francese di seconda fascia disposto a prenderlo. Per Florenzi, dopo i saluti al Psg, non pare esserci nessun club all’orizzonte”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Calciomercato