Resta in contatto

Rassegna Stampa

Xhaka, ancora no: l’Arsenal alza il tiro

Xhaka

Tiago Pinto si sta concentrando soprattutto sulle operazioni che possono portare denaro da reinvestire sul mercato

Tiago Pinto si sta concentrando soprattutto sulle operazioni che possono portare denaro da reinvestire sul mercato: quindi Olsen, per il quale è in ballo il passaggio al Lilla per 5 milioniKluivert, che tratta con il Nizza, e anche Pedro e Diawara, due giocatori che la società vorrebbe piazzare.

E poi ovviamente Nzonzi, che ancora non ha trovato una casa di suo gradimento e ha rifiutato il Benfica, Fazio, fuori dai radar da mesi, e Santon, che presto si svincolerà agevolando il compito dei dirigenti. Serve pazienza. E tempo, che per fortuna in questo momento alla Roma non manca: la prima partita ufficiale, in Conference League, è in programma tra un mese.

Gli acquisti saranno almeno tre. Il primo è ovviamente Granit Xhaka, che passa le sue giornate di vacanze aspettando la chiamata giusta dal procuratore. La vicenda è trasparente: Xhaka si è promesso alla Roma, ha fatto un accordo da due mesi con Mourinho, si è esposto in prima persona anche con l’Arsenal. Di più non può fare, il resto dipende dai club.

In questo momento l’accordo è lontano, perché la Roma non intende pagare 20 milioni. Tiago Pinto cercherà di dilazionare il pagamento, come già successo con Rui Patricio, per rimandare a tempi migliori l’investimento. Ma su questo punto sembra che all’Arsenal non ci sentano.

Arriveranno poi poi probabilmente due esterni: il mancino che dovrà rendere sopportabile l’assenza di Spinazzola è la priorità ma non è stato ancora individuato (VinaCucurellaBensebiani e altri sono tutti profili credibili).

L’ala invece è il serbo Kostic dell‘Eintracht, che la Roma tornerà a valutare dopo aver ceduto Kluivert e Pedro. I rapporti tra Tiago Pinto ed il club tedesco sono ottimi.

Lo scrive oggi Il Corriere dello Sport 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa