Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mou ritrova il Porto e chiede nuovi gol. La Roma su Azmoun, Shomurodov e Sorloth

Mourinho

Lo Special One aspetta rinforzi

José Mourinho al Porto ha preso e dato tanta felicità vincendo una Champions, una Europa League, due campionati, una Coppa e una Supercoppa di Portogallo. Tutto questo in appena due anni e mezzo. La leggenda dello Special One nacque proprio così. Questa sera, proprio contro la sua ex squadra, la Roma dovrà far capire a che punto è la preparazione. Proprio contro i portoghesi i giallorossi hanno consumato la loro ultima esperienza in Champions (2-1 in casa e 3-1 in trasferta). Il risultato fu fatale per Di Francesco, ma non tutto è da cancellare. All’andata l’appena 19enne Zaniolo segnò una doppietta. Nonostante il club abbia ufficializzato la sponsorizzazione triennale con Digitalbits (36 milioni di euro in tre anni), due stagioni senza la massima competizione continentale hanno creato sconquassi nel bilancio.

Mourinho non è un allenatore che cerca alibi, ma di sicuro avrebbe voluto cominciare la seconda parte del ritiro con qualcosa in più del solo Rui Patricio. Pur rimanendo con l’ottimismo, non si sblocca la trattativa Xhaka e non è neppure arrivata la fumata bianca per Vina, fisicamente già a Roma ma bloccato dalla quarantena. Le difficoltà nel piazzare gli esuberi ci sono e questo rallenta le altre mosse. Il domino è complesso tanto più ora che Mourinho vuole un altro attaccante. Il preferito resta Azmoun, ma la concorrenza del Bayer è molto forte. Prende quota Shomurodov valutato circa 15 milioni. Infine occhio a Sorloth che ha caratteristiche simili a quelle di Dzeko. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa