Resta in contatto

Calciomercato

Roma, si lavora per il post Dzeko: Icardi il sogno, Scamacca e Lacazette le alternative

Tanti nomi per il dopo Dzeko

A meno di clamorosi, a questo punto, dietrofront, già da domani, nei vertici che ci saranno a Trigoria, la Roma cercherà di chiudere quanto prima l’attaccante che arriverà al posto di Edin Dzeko. In quella che sembrava l’unica estate senza tira e molla con il bosniaco, il club giallorosso sa, invece, di doversi – e volersi – presentare con un nome importante al suo posto. Perché lo chiede Mourinho. Perché lo chiedono i giocatori, comunque toccati dall’accelerata della trattativa Dzeko-Inter. Perché lo chiedono i tifosi. E perché lo vuole anche la proprietà. Il nome che metterebbe, anzi mette, tutti d’accordo è quello di Mauro Icardi.

I rapporti con il Psg sono buoni, quelli con Wanda Nara, a cui non dispiacerebbe affatto vivere a Roma, anche. L’argentino sa che con il più che probabile arrivo di Messi a Parigi giocherebbe poco, e sa pure che se c’è un allenatore, a 28 anni, in grado di rilanciare davvero la sua carriera è proprio Mourinho. Icardi porterebbe a Roma gol, sicuramente, personalità, e anche entusiasmo, aspetto da non sottovalutare. C’è “solo” un problema: Maurito costa tanto. Costa tanto il suo ingaggio da 9 milioni a stagione e costa tantissimo il suo cartellino, visto che il Psg, due anni fa, lo ha pagato oltre 70 milioni. Cifra a cui ovviamente la Roma non pensa neppure. Come si può ovviare a tutto questo? Con un prestito biennale e una riduzione dello stipendio da parte dell’argentino. Dovrebbe, in sintesi, scommettere su se stesso, ragionando che al Psg è uno dei tanti (e con Messi non si è mai preso), a Roma sarebbe il re dell’attacco.

Altri nomi, che scaldano meno, sono quelli di Scamacca, di proprietà del Sassuolo ed ex prodotto del vivaio giallorosso, Seferovic del Benfica (proposto da Ramadani), Azmoun dello Zenit e, secondo alcuni intermediari di mercato, Lacazette dell’Arsenal, per cui la Roma avrebbe fatto un sondaggio. Ma i rapporti con i Gunners, dopo la trattativa finita male per Xhaka, sono ai minimi storici, senza considerare che l’attaccante, se si muoverà da Londra, lo farà per giocare la Champions. Champions che la Roma non fa, e neppure l’Europa League. Il 19 la prima ufficiale in Conference, cinque giorni prima il debutto all’Olimpico in amichevole contro il Raja Casablanca, davanti ai tifosi, come non accadeva dal febbraio 2020. Con ogni probabilità Dzeko non ci sarà, chissà se Pinto, in meno di una settimana, riuscirà a regalare a Mourinho il suo sostituto. Lo scrive “gazzetta.it”.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Calciomercato