Resta in contatto

Rassegna Stampa

Il caso Dazn in Parlamento. E i club sono preoccupati

Dazn

Niente più rotelle. La Lega Serie A scrive a Dazn una lettera, firmata dall’amministratore delegato Luigi De Siervo

Niente più rotelle. La Lega Serie A scrive a Dazn una lettera, firmata dall’amministratore delegato Luigi De Siervo, dopo le difficoltà di trasmissione riscontrate nella prima giornata tutta in streaming della Serie A, chiedendo spiegazioni per i disservizi e garanzie per le prossime partite.

L’esame del primo turno da broadcaster principale ha visto la piattaforma web al centro dell’agitazione di tanti utenti peri rallentamenti delle trasmissioni e la qualità video, problemi che i club vogliono risolvere tenendo come stella polare la terza giornata di campionato, quando sono previsti picchi elevati per gare di cartello come Milan-Lazio e Napoli-Juventus.

Uno stress test che non ammetterà errori e a cui bisognerà arrivare preparati, tenuto conto che secondo l’AgCom il traffico del primo weekend di calcio della stagione ha avuto un traffico inferiore alle attese, con la rete che ha retto il carico complessivo anche degli utenti che hanno preferito altre piattaforme di intrattenimento al calcio.

Il Garante delle comunicazioni resta vigile: nessuna istruttoria è stata aperta a riguardo, si attenderà di monitorare la messa in onda della prossima giornata di campionato, ma intanto ha richiesto una relazione riguardo i malfunzionamenti verificatisi tra sabato e domenica. Sotto la lente di ingrandimento soprattutto i problemi durante Inter-Genoa, per cui Dazn ha spiegato il malfunzionamento del server di distribuzione durato circa 3 minuti.

Se le associazioni dei consumatori sono sul piede di guerra, Codacons in primis, la questione è destinata ad arrivare fino agli scranni della Camera. “I disservizi di Dazn sono molto gravi. Per questo motivo – ha annunciato Luca Pastorino, segretario di presidenza alla Camera per Leu – nei prossimi giorni presenterò un’interrogazione alla Camera per chiedere un intervento del governo“.

Lo scrive oggi Il Tempo 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa