Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Tommasi: “In mezzo già tanti calciatori duttili. Mourinho ha più bisogno di un leader”

Mourinho

L’ex calciatore giallorosso, Damiano Tommasi, ha parlato e detto la sua sulla Roma di Josè Mourinho che sta nascendo

Damiano Tommasi, ex giocatore della Roma, è stato intervistato dal quotidiano Il Messaggero ed ha parlato di Mourinho. Queste le sue parole:

Le è piaciuta la Roma contro la Fiorentina?

“Si, soprattutto nel risultato. I tre punti non sono male, i valori di questa squadra anche”.

Possibile che quei vadano bene solo allenatori di questo tipo?

“Non credo sia così. Garcia non è andato male, così come Di Francesco. Pure Spalletti aggiungerei, se non fosse che il sio lavoro sia stato offuscato dalla vicenda Totti. Se poi il riferimento è al curriculum di Capello e Mourinho, allora il discorso cambia”.

Diciamo che personaggi del genere eliminano certe fragilità di squadra?

“Beh, Mourinho è uno che si fa raccontare, è bello averlo, è il sale. E’ uno che fa parlare di sé, non solo attraverso il campo. Forse non ti consente di superare quelle fragilità ma di sicuro spinge i giocatori ad andare oltre le proprie forze”.

Questa squadra ha il carattere della Roma dello scudetto?

“Noi avevano almeno cinque leader veri, questa è diversa. Ha calciatori con grandi motivazioni, che vuole andare al Mondiale, chi ha bisogno di fare un salto. Questo è importante, è una spinta in più. Nel tipo di gioco un po’ si somigliano. La Roma darà fastidio a tutte”.

Serve un regista di personalità…

“Quel sono caratteristiche che magari servono più fuori dal campo che in campo. Magari c’è bisogno di un leader nello spogliatoio, questo non posso saperlo. Da quello che vedo, il centrocampo della Roma ha gente duttile, tanti calciatori che sanno fare molte cose”.

Cristante è un Tommasi?

“E’ quel tipo di calciatore che copre metri di campo e gli allenatori difficilmente ci rinunciano. Poi non rubano l’occhio e la gente non va certo allo stadio – diceva Cassano – per vedere Tommasi. Aveva ragione”.

Le piace Abraham?

“Ha avuto un grande impatto. E’ un giocatore di talento. Sarà importante la tenuta mentale”.

Ovvero?

“Venendo da un campionato importante come la Premier, rischia di farsi prendere dalla nostalgia e voler tornare lì, perchè il calcio che si gioca in Italia non è al livello di quello inglese. Dovrà essere brava la Roma a metterlo nelle condizioni di innamorarsi di questo calcio e creare i presupposti per trattenerlo”.

Dzeko via. Giusto?

“Una decisione figlia degli accordi della pasata stagione”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa