Resta in contatto

Rassegna Stampa

Da Voelkerling a Rocchetti: c’è un altro poker

La Roma Primavera parte con il turbo. Al triplice fischio della prima giornata sembra di stare davanti a una squadra piena di talento

La Roma Primavera parte con il turbo. Al triplice fischio della prima giornata di campionato sembra di stare davanti a una squadra piena di talento, unita, cattiva e rodata.

Chiedere al Torino dell’ex Federico Coppitelli che incassa un poker in casa e ringrazia la sorte perché i gol potevano essere molti di più. Almeno il doppio. Il vantaggio dei giallorossi è nell’aria già nei primissimi minuti, Milan si salva come può, ma si deve arrendere al minuto 22, quando Oliveiras – ex capitano del Barcellona che sta nel giro della nazionale spagnola Under 18 – vede il taglio di Voelkerling, abile a indovinare il diagonale: è lo 0-1.

Il Torino si difende e basta. La Roma invece controlla la palla e crea. Il punto esclamativo del primo lo scrive Tahirovic, il regista bosniaco: notevole la fucilata dalla distanza che sorprendere il portiere granata. Nella ripresa film simile e altri due gol. Il tris è tutto di Volpato che con una magia (una sorta di autopassaggio col cucchiaio) si beve la difesa granata in blocco e segna da distanza ravvicinata.

Solo applausi dalla panchina di Alberto De Rossi. Nel finale Rocchetti chiude la pratica centrando il bersaglio da limite. La baby Roma fa sul serio. 

Si legge sul Corriere dello Sport 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa