Resta in contatto

Rassegna Stampa

Pellegrini show: testa e piedi da capitano

Pellegrini

La notte di Salerno può rappresentare il momento in cui si chiude un dibattito. Lorenzo Pellegrini è un degno capitano per la Roma

La notte di Salerno può rappresentare il momento in cui si chiude un dibattito. Lorenzo Pellegrini non è soltanto un degno capitano per la Roma, ma è anche un leader tecnico a cui nessun allenatore sano di mente può più rinunciare. A Trebisonda aveva segnato il primo gol della stagione, all’Arechi ha scassinato la serratura di Castori per poi completare la festa sotto al settore romanista con una doppietta.

E ora viene il bello, forse. “Ma non ci sentirete mai parlare di obiettivi a lunga scadenza – racconta lui, subito dopo essersi sfilato la maglia – ci stiamo abituando a pensare a una partita per volta. E credo sia la cosa migliore in questo momento. Quest’anno percepisco qualcosa di diverso in termini di mentalità. Sappiamo di dover migliorare ma lavoriamo tutti i giorni per questo“.

È il protagonista principale della vittoria, insieme a un fenomenale Veretout, ma ovviamente preferisce dividere i meriti con i compagni: “È stata una grande prova di squadra, non solo mia. Non era facile segnare, per fortuna ci siamo riusciti con il mio gol a inizio ripresa. E poi è stato tutto più facile“.

Si è emozionato, da romanista vero, davanti ai tifosi felici che cantavano “Vinceremo il tricolor“: “Come dicevo prima, a me interessa guardare solo alla partita più vicina. Ma quel coro ci piace tanto, è un grande classico. Speriamo di realizzare il nostro sogno ma in questo momento non ha senso parlarne. I conti li faremo alla fine per capire dove saremo arrivati”.

Lo scrive Il Corriere dello Sport 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa