Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Moratti: “Mourinho? Colpo di genio della Roma. Società perfetta per lui”

Le parole dell’ex presidente nerazzurro

Parla Massimo Moratti e lo fa sulle frequenze di Centro Suono Sport. Ecco le sue parole:

Cosa ha pensato appena la Roma ha ufficializzato Mourinho?
“Che la Roma ha fatto un colpo di genio notevole. Credo che la Roma sia una società perfetta per lui in questo momento”

Per quanto riguarda il mercato, a microfoni spenti Mourinho è un tipo pretenzioso?
“Mourinho non ha mai creato interferenze sul mercato della società. Si è sempre comportato in maniera perfetta. Mai ossessivo nei conforti della società o miei”

Secondo lei è l’Inter la favorita allo Scudetto?
“Per scaramanzia dico più squadre. L’Inter è ben messa. Ha un allenatore molto bravo e sta ricostruendo una squadra che sta giocando benissimo per merito suo”

Lei che conosce Mourinho, lo ha un difetto?
“L’unico difetto è che non mangia il salmone. è una sua debolezza. A parte gli scherzi è un professionista tale che va sempre ammirato. È di una serietà tale che sono molto contento che la Roma l’abbia preso e sono sicuro che farà bene”

All’Inter nessuno degli allenatori può essere paragonato a Mourinho per quello che fatto?
“Ha detto una cosa giusta, è verissimo. Ha fatto la storia della società.”

Che idea si è fatto sui Friedkin?
“Sono molto seri e generosi. Sono partecipi anche emotivamente, sembrano essere appassionati ed è una fortuna questa per la Roma”

Dato l’arrivo di Mourinho sulla panchina giallorossa, un po’ quest’anno la simpatizzerà?
“Certamente, la seguo con tanto piacere per mille ragioni. La principale è perché Mourinho la allena”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News