Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

“Da tristi a motivati”, Mourinho tra slogan e stoccate a Calafiori

Juventus Roma

Conferenza stampa piena di spunti per lo Special One

“Trasformare la tristezza in motivazione“. Lo slogan scelto da Mourinho per analizzare il post sconfitta di Verona e il pre Udinese — gara in programma stasera (ore 20,45) in uno stadio Olimpico esaurito nei suoi trentamila posti disponibili — è diventata in breve tempo virale, rimbalzando tra le paure di una tifoseria che si aggrappa all’abilità del portoghese per ripartire.

Ma la Roma, per lo Special One, non ha una rosa competitiva allo stesso modo in tutte le sue alternative, questo oramai è cosa nota, e quindi non fa troppo effetto quando boccia, di fatto, Calafiori (“Ragazzo valido, ma ha 19 anni e poche partite in Serie A. Magari è valido per noi, se si fa la stessa domanda alle 4-5 squadre più forti della Serie A magari i loro allenatori rispondono che non è valido, perché loro hanno 2 giocatori forti e d’esperienza per ruolo: ha bisogno di tempo per diventare giocatore maturo“) e ribadisce che la sua coppia di centrocampo è composta da Cristante e Veretout, con buona pace di Villar e Diawara (“In altre posizioni possiamo permetterci di cambiare, lì è un po’ più difficile“).

Il primo ko stagionale ha lasciato i segni, stasera la Roma proverà a riprendere la marcia interrotta a Verona, pensando inevitabilmente anche al derby di domenica sera. Ha qualche acciacco Abraham, ma oggi, contro l’Udinese, dovrebbe giocare con Shomurodov eventualmente pronto. Potrebbe avere un turno di riposo Zaniolo, con El Shaarawy e Mkhitaryan in campo, insieme a Pellegrini. Sono nel frattempo cominciate ieri le vaccinazioni all’Olimpico e proseguiranno oggi. L’hub è stato posizionato a Piazza del Foro Italico, mentre oggi sarà a Viale delle Olimpiadi. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa