Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 12 ottobre 1996: la Roma schianta il Milan 3-0 (VIDEO)

Gli uomini di Bianchi vincono con un netto 3-0 sui rossoneri allenati da Tabarez. In 20 minuti il doppio vantaggio, chiude i giochi Balbo al 90′

Il 12 ottobre del 1996 la Roma vinceva all’Olimpico contro il Milan con un secco 3-0. I giallorossi devono conquistare i 3 punti, per non perdere il gruppo alle spalle dell’Inter prima, e sopratutto per non far guadagnare terreno alle inseguitrici, tra cui anche il Milan. La Roma, forte del fattore campo sempre determinante, ci mette poco a sbloccare il risultato: al 12′ Rossi esce dall’area di rigore per intercettare il pallone diretto a Totti. Il futuro numero 10 però riesce a mantenere il possesso della sfera e, nonostante sia defilato sulla destra, riesce a trovare una parabola perfetta con cui mette a segno la rete del momentaneo 1-0. Il gol appena subito mette in crisi il Milan, che si ritrova nuovamente a dover raccogliere la palla dalla rete dopo solo 6 minuti. Totti in area serve Balbo, il capitano giallorosso temporeggia e serve al centro per Cappioli, che indisturbato e a porta vuota segna il 2-0.

Il Milan tenta di scuotersi, ma la sfortuna e uno Sterchele in ottima forma negano il gol di un possibile 2-1. Nella seconda metà di gioco la Roma riesce a mantenere il controllo della partita, e al 90′ trova anche la rete del definitivo 3-0: Delvecchio serve Balbo in area, che si gira improvvisamente mettendo a segno il terzo gol della giornata. La Roma vince e ottiene punti fondamentali, rimanendo ancorata a Bologna, Juventus e Parma nella lotta all’inseguimento dell’Inter capolista.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord