Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 26 ottobre 2005: il cucchiaio di Totti illumina San Siro e la Roma vince (FOTO/VIDEO)

In questo giorno di 16 anni fa il numero 10 della Roma decide di incantare a modo suo la Scala del calcio italiano

E’ il 26 Ottobre 2005 e la prima Roma di Luciano Spalletti, alla ricerca della sua vera identità, arriva a Milano. Dall’altra parte c’è l’Inter di Roberto Mancini che invece è costruita per vincere. E’ un mercoledì sera , un turno infrasettimanale quindi , e San Siro non è strapieno. Sulla carta la Roma non dovrebbe avere grosse chances di uscire con qualche punto da questa partita perchè i nerazzurri sono più forti e perché quello stadio è ormai diventato una vera e propria maledizione.

Contro ogni pronostico, la squadra di Spalletti entra in campo tranquilla e gioca un ottimo calcio, passando in vantaggio al 12′ con Montella che su assist di Rodrigo Taddei, supera in uscita Julio Cesar. L’Inter risponde e aggredisce la Roma che però non si spaventa e anzi sfiora in contropiede più volte il gol dello 0-2. Fino a quando non arriva il minuto 30 e tutto San Siro si ferma per ammirare una delle più grandi giocate che si siano mai viste negli ultimi anni in Serie A: Totti prende palla a centrocampo , supera di forza prima Veron e poi Maria e punta la porta nerazzurra. Arrivato all’incirca ai venti metri, il numero dieci giallorosso, che non è un giocatore come tutti gli altri, decide di sorprendere il pubblico e lasciarlo a bocca aperta. Il Capitano sfodera un pallonetto fenomenale che lascia di stucco Julio Cesar e tutti i tifosi interisti, facendo invece impazzire di gioia i sostenitori giallorossi. E si chiude la prima frazione sul risultato di 0-2.

La ripresa inizia con l’Inter che sembra ancora tramortita mentre la Roma decide di approfittarne subito andando sullo 0-3 grazie ad un calcio di rigore procurato da Montella e trasformato sempre da Totti. Mancini non ci sta a perdere e schiera anche Adriano , sbilanciandosi paurosamente e giocandosi il tutto per tutto. E’ proprio il brasiliano che con una grande punizione sotto l’incrocio dei pali , riapre la partita e mette pressione su una Roma che fino a quel momento stava gestendo il vantaggio senza grossi problemi. Da quell’istante in poi i giallorossi subiscono le iniziative dell’Inter e si rintanano nella propria metà campo. Al 33′ arriva puntuale il gol del 2-3 sempre con Adriano che sfruta un errore di Doni e deposita nella porta sguarnita. La partita diventa un assedio nerazzurro con la Roma che prova solo a far scorrere i minuti cercando di tenere la palla più lontano possibile dalla propria porta. Gli animi si scaldano e Totti e Veron si fanno espellere per reciproche scorrettezze dopo un fallo dell’argentino che aveva provocato le ire del capitano giallorosso.

La Roma, con le unghie e con i denti, riesce a strappare una vittoria storica quanto insperata.

TABELLINO

INTER (4-4-2): Julio Cesar; Cordoba, Materazzi, Samuel, Favalli (45′ st Solari); Zè Maria (1′ st Adriano), Cambiasso, Veron, Figo; Recoba (31′ st Martins), Cruz.
A disposizione: Toldo, Mihajlovic, C.Zanetti, Pizarro.
Allenatore: Mancini.

ROMA (4-4-2): Doni; Panucci, Kuffour, Chivu, Cufrè; Mancini (33′ st Dacourt), Perrotta, De Rossi, Taddei (39′ st Mexes); Totti, Montella (15′ st Nonda).
A disposizione: Curci, Bovo, Alvarez, Tommasi.
Allenatore: Spalletti.

Arbitro: Rosetti di Torino

Marcatori: 12′ pt Montella (R), 30′ pt e 2′ st rig. Totti (R), 22′ st e 33′ st Adriano (I).
Ammoniti: Chivu, Materazzi, Samuel, Mancini, Doni.
Espulsi: 48′ st Veron (I) e Totti (R).

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord