Resta in contatto

Rassegna Stampa

Roma, Mou ha il pugno di ferro: perdonato solo Kumbulla

Mourinho

L’albanese torna in squadra, ma a gennaio rischia di partire

José Mourinho lo aveva detto dopo la buona prova contro il Napoli: “La squadra mi è piaciuta, ma la sconfitta contro il Bodo non è stata dimenticata“. E così lo Special One ha deciso di proseguire con la politica del pugno di ferro e per la trasferta di Cagliari ha convocato solo Kumbulla tra i cinque “epurati” che domenica scorsa erano andati in tribuna. Nuova bocciatura per Villar, Diawara, Borja Mayoral e Reynolds.

A ben guardare anche la convocazione di Kumbulla non significa completo reintegro: l’italo-albanese andrà in panchina come terzo centrale difensivo solo perché Smalling continua a essere infortunato. A gennaio, però, sarà anche lui sulla lista degli esuberi, a meno di un miglioramento a tappe forzate.

Come aveva già fatto per il Napoli, Mourinho ha preferito chiamare alcuni giovani della Primavera. Tra di loro, per la prima volta, c’è anche l’attaccante Cristian Volpato, italo-australiano, classe 2003, della scuderia di Totti che punta molto su di lui. L’intransigenza di Mourinho è finalizzata al mercato di riparazione. Più giocatori partono e più spazio si libera per qualche nuovo arrivo. Mourinho, stasera a Cagliari, non sarà in panchina perché squalificato. Al suo posto, il vice Joao Sacramento. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa