Resta in contatto

Rassegna Stampa

Parla il dott. Lempainen: “Spina alla grande ma tornerà nel 2022”

Le parole del dottore che ha operato Spinazzola

Calma e pazienza. E stavolta non è José Mourinho a chiedere tempo ma il dottor Lasse Lempainen, il chirurgo finlandese che ha ricostruito il tendine d’Achille di Leonardo Spinazzola. La notizia buona emersa dal colloquio è che la Roma potrà riavere il calciatore al cento per cento. Quella meno buona è che le congetture su un suo rientro entro la fine del 2021, alimentate dalla feroce volontà di recupero di Spinazzola, sono sballate. Le sue parole raccolte da “Il Corriere dello Sport”.

Professore, a che punto siamo?
“Siamo tutti molto soddisfatti, non ci sono complicazioni. Mai nella mia carriera avevo incontrato un atleta così determinato. In questi giorni abbiamo stilato una tabella che servirà a Spina (lo chiama così, ndr) per passare alla seconda fase: la riatletizzazione”.

Tra quanto tornerà a giocare?
“Non possiamo indicare una data precisa, per un infortunio così grave. Ma il protocollo per la rottura di un tendine su cui grava tutto il peso del corpo è di almeno sei mesi”.

A gennaio in campo. Non a dicembre.
“A gennaio tornerò a Roma, o forse verrà lui a Turku, per l’ultimo controllo. A quel punto, se tutto continuerà a procedere bene, si potrà passare alla fase agonistica. Che significa allenarsi con la squadra e poi piano piano entrare in partita”.

Almeno gennaio, quindi.
“Diciamo che non potrà subito giocare 90 minuti. Magari comincerà con 15, poi 30. Ripeto, serve attenzione”.

Le dichiarazioni entusiastiche di Spinazzola avevano lasciato immaginare che avesse anticipato i tempi.
“Nessuno di noi lo ha mai pensato. Bisogna andare per gradi, non sarebbe saggio né realistico il contrario. Non possiamo correre rischi perché qui parliamo di un calciatore e di una squadra top. Domenica ero allo stadio per Roma-Milan: un conto è giocare a calcetto tra amici come lei o come me, un conto è andare a contrasto con Ibrahimovic. Non dovete dimenticare che Spinazzola è un calciatore capace di sviluppare una velocità di 35 chilometri orari: questo aumenta il carico sul tendine”.

La Roma è allineata sulle sue posizioni, professore?
“Certamente. La collaborazione con lo staff del club, e soprattutto con il dottor Manara, è stata perfetta. Vi assicuro che non sempre è così. Tutti vogliamo concludere il percorso di recupero nella maniera più idonea. Peraltro ho verificato che le strutture di Trigoria sono fantastiche”.

Spinazzola ha uno storico di infortuni muscolari. Riuscirete a prevenire anche quelli?
“Evidentemente, l’obiettivo è realizzare un equilibrio nel corpo dell’atleta. Quindi speriamo di sì. Il tendine non tornerà mai come prima, perderà circa il 5-10 per cento della sua efficienza, ma questo non ne condizionerà il resto della carriera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Rassegna Stampa